Elvis: Quattro chiacchiere sul 1974

All'inizio del 1974, mentre Elvis si apprestava ad onorare un fittissimo programma di concerti che lo avrebbe tenuto a lungo lontano da casa, i piani della RCA sembravano bellicosi e non privi d'interesse. Concentrandoci sugli album, in programma c'era l'emissione di A Legendary Performer: Elvis, Volume 1, una compilazione resa assai attraente dalla lussuosa veste grafica e dall'inserimento di alcuni inediti, Good Times, il nuovo lavoro in studio contenente la prima scelta delle recentissime sessions negli studi della Stax (dicembre 1973) e Elvis Recorded Live On Stage In Memphis, disco dal vivo con il quale si sperava di continuare a battere il ferro finché era caldo, sulla scia dei precedenti live Elvis As Recorded At Madison Square Garden (1972) e Aloha From Hawaii Via Satellite (1973).

Da parte sua, Elvis non si risparmiò, girando in lungo e in largo gli Stati Uniti con tour di straordinaria risonanza, senza peraltro rinunciare ai periodici ingaggi a Las Vegas e Lake Tahoe, più brevi che in passato. Per quanto riguarda i singoli, dopo il tiepido riscontro ottenuto da I've Got A Thing About You Baby (#39), il Re tornò agevolmente nella Top 20 con due 45 giri consecutivi: If You Talk In Your Sleep (#20) e Promised Land (#14).

Una buona annata, a quanto pare, foriera di possibili spunti da sviluppare in prospettiva futura; ma sul fronte degli album - supporti sonori che negli anni '70 garantivano vendite stratosferiche ai grandi nomi del pop/rock - come erano stati gestiti i sopra citati prodotti targati Presley? Manifestando una volta di più la capacità di caricare a salve materiale dall'innegabile potenziale, i discografici pensarono bene di concentrare la pubblicazione dei tre long playing nei primi sei mesi dell'anno, lasciando poi scoperti i restanti sei.

Gli effetti di questa decisione, che in pratica costrinse i possibili acquirenti a farsi due conti in tasca si fecero sentire immediatamente. A rimetterci fu principalmente Good Times, un gran bel disco che rimase inchiodato al 90° posto in classifica. Un immeritato quanto prevedibile flop. L'apoteosi del paradosso fu raggiunta con la mancata emissione, in qualità di singolo di lancio, della canzone My Boy in esso contenuta. Dotata di notevole appeal commerciale, quando la strappalacrime composizione francese verrà infine fatta girare 45 volte al minuto - con colpevole ritardo all'inizio del 1975 - non faticò a piazzarsi al 20° posto della Hot 100. Troppo tardi, per Good Times.

Non andò granché bene neanche a Elvis Recorded Live On Stage In Memphis, che si fermò al numero 33 della chart statunitense. Non fu soltanto il mercato inflazionato a rendere difficoltoso il cammino del disco. Occorre sottolineare che per quanto oggi sia un luogo scolpito nell'immaginario degli appassionati, a livello di fascino il Mid-South Coliseum non poteva certo rivaleggiare con il Madison Square Garden di New York o con uno spettacolo trasmesso in mondovisione dalle Hawaii. C'è poi da considerare che tre album dal vivo in due anni furono effettivamente troppi e che il pur bellissimo concerto di Memphis finì sul vinile pesantemente editato.

A guardar bene, A Legendary Performer: Elvis, Volume 1 si rivelò l'unico, vero colpaccio della RCA, a dispetto di un poco appariscente 43° posto. Intanto, vendette consistentemente nei mesi successivi alla sua emissione, raggiungendo lo status di disco d'oro già all'inizio dell'anno successivo. Poi, con questa raccolta la casa discografica iniziò a capitalizzare l'accordo milionario stipulato con Elvis e il Colonnello Parker nel 1973, mediante il quale si era garantita i diritti d'autore sulle vendite (non sulla pubblicazione) di tutte le canzoni registrate dal cantante fino ad allora.

In realtà, continuando a parlare di 33 giri, il 1974 si chiuse con l'arrivo nei negozi di dischi dell'improbabile Having Fun With Elvis On Stage, album contenente unicamente monologhi di Elvis estrapolati da sue esibizioni dal vivo, senza lo straccio di una canzone al suo interno. Lo stesso disco, concepito da Parker - un uomo del tutto privo di sensibilità artistica - era stato pubblicato nei primi mesi di quello stesso anno sulla sua etichetta Boxcar. La RCA, evidentemente, non volle perdere l'occasione di guadagnare qualche dollaro con quell'imprescindibile capolavoro. 

7 commenti:

  1. Ciao Roby, come sempre un approfondimento molto prezioso. Bravo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In super ritardo, però ci tenevo a ringraziarti!

      Elimina
  2. i dati qui riportati sono reali ma è anche vero dire che questi sono solo dati della sezione "pop" di Billboard, dobbiamo anche ricordarci che i disck jokey pop gli remavano contro, pensando che ormai era vintage, invece, i leali disc jokey erano quelli country, infatti Elvis nelle classifiche country di Billboard andava fortissimo, un esempio: gli l'albums "promised land" e "from Elvis Presley blvrd" arrivarono al #1 nelle country charts.. invece "good times" e "today" si piazzarono al #5 e #4.. niente male, no? stessa sorte anche a singoli come "help me" e "I've Got a Thing About You Baby" tutte nelle prime posizioni.. quindi Elvis Presley era ancora molto in voga in determinate classifiche, invece spesso si tende a considerare una sola classifica per dare un parere generale, per fortuna non è cosi..

    RispondiElimina
  3. e da aggiungere che "My Boy" arrivò al #1 nella classifica Adult contemporary di Billboard..

    RispondiElimina
  4. Ciao Francesco, grazie per essere passato da queste parti e per aver lasciato questo interessante commento. So bene che i dischi citati nell'articolo e da te ottennero lusinghieri piazzamenti nella classifica country, ma è anche vero che in linea generale non vendevano moltissimo negli States. Questo è un dato di fatto, nulla di paragonabile ai risultati ottenuti da Led Zeppelin, Rolling Stones, Elton John o Paul McCartney, tanto per citare qualche nome. Non è che negli Stati Uniti "Good Times" abbia venduto milioni di copie all'epoca della sua uscita, come poteva capitare ad album come "Physical Graffiti", "Rumours" dei Fleetwood Mac e a tanti altri 33 giri, e questo nonostante il piazzamento nella già citata Country chart. Naturalmente, vista la grandezza di Elvis, l'artista più famoso del pianeta, avrebbe potuto riuscirci se fosse stato l'unico disco pubblicato quell'anno, adeguatamente promosso dalla RCA e se Elvis si fosse impegnato a farlo conoscere alla gente che andava a vederlo in concerto. Quello che voglio dire nel mio post è che relativamente ai prodotti targati "Elvis" l'aspettativa era ormai azzerata, questo a causa del continuo flusso di emissioni discografiche che praticamente non si interrompeva mai. D'accordo, il Re si piazzava bene nella classifica country, questo è senz'altro positivo, ma le sue nuove uscite avrebbero potuto fare infinitamente meglio e questo a parer mio è imperdonabile.

    RispondiElimina
  5. si per quanto riguarda le vendite, si certo, non posso darti torto.. non vendevano bene, ma i suoi live hanno fatto sempre sold out, quindi questo bivio di guadagnare e di non guadagnare, giustamente per come dici anche tu, la sua discografia era gestita malissimo.. erano deficienti quelli alla RCA.. compreso anche il colonnello, attorno ad Elvis non c'era idee artistiche ma commerciali.. comunque è da ammettere che in tutti gli anni 70 Elvis ne ha inciso di materiale valido.. tante erano le canzoni belle e intense di quel periodo..

    RispondiElimina
  6. Ottimo post ed interessanti commenti. Sempre da leggere con passione...

    RispondiElimina